pp_luci_e_coloriLe spie Illuminano il nostro abitacolo per informarci dei problemi

E’ passato un sacco di tempo da quando i cruscotti delle nostre autovetture erano dotati delle classiche cinque o sei spie di pressione dell’olio, generatore, luci anabbaglianti e abbaglianti e indicatori di direzione. Come a ribadire l’importanza che le piccole lampadine hanno assunto nel tempo, anche il loro nome è stato nobilitato. Non più “spie” poste a denunciare i difetti di funzionamento, ma “indicatori ottici” “strumenti di controllo visivo”, icone luminose informano con eloquenti simboli grafici i numerosi parametri di funzionamento della vettura.
Ma sono davvero chiari i disegnini che si illuminano? Siamo in grado di interpretarli correttamente e decidere per tempo se cambiare direzione per portare l’auto in officina?
Non sempre i produttori di autovetture ci aiutano in questo compito. Nello sforzo di comunicare di più, comunicare prima, comunicare meglio, ognuno inventa i propri simboli, o modifca leggermente simboli già esistenti, perciò quello che sulla macchina di nostra moglie è un indicatore trascurabile, sulla nostra potrebbe presagire disastri imminenti.

E’ però vero che i simboli principali sono universali, vediamoli rapidamente, se non altro per rinfrescare la memoria.
Innanzitutto due avvertimenti:

  1. Non trascurate nessuna spia che dovesse accendersi sul cruscotto. Alcune spie indicano l’entrata in funzione di un dispositivo (ad esempio, lo sbrinatore), altre sono importanti segnali di malfunzionamento. Nel secondo caso, fate controllare l’auto all’autofficina di vostra fiducia.
  2. Se avete dubbi, consultate sempre il manuale della vostra vettura. E’ la fonte di informazione più autorevole e affidabile che possiate trovare.

spia pressione olioPressione dell’olio.

In alcuni casi il simbolo è esplicito e quasi universale: “OIL”; in altri è un’icona che rappresenta un recipiente con beccuccio. E’ la spia di insufficiente pressione del’olio motore. Se questa lampadina si accende, fermatevi subito e fate intervenire un meccanico per ripristinare il corretto livello di liquido lubrificante. Probabilmente si dovrà anche diagnosticare la ragione della pressione insufficiente.
La spia si accende quando la pressione dell’olio scende sotto una soglia minima; nessun motore può funzionare a lungo senza essere correttamente lubrificato; i cuscinetti di seccano, si surriscaldano e si consumano; gli attriti degli organi meccanici in movimento divengono intollerabili e si può arrivare alla rottura di parti fondamentali come l’albero motore, le aste delle valvole o pistoni e cilindri.
Se si interviene per tempo si può rimediare al guasto: se si tratta di guarnizioni consumate la spesa potrebbe essere modesta, se vi sono trafilaggi d’olio sarà senz’altro più sostenuta, ma qualunque intervento sarà preferibile alla ricostruzione completa del motore o alla sua sostituzione.

Spia temperaturaTemperatura dell’impianto di raffreddamento.

Un altro avvertimento che per nessun motivo deve essere ignorato è quello della temperatura del liquido di raffreddamento. Fermatevi, spegnete subito il motore e lasciatelo raffreddare per almeno 30 minuti. Successivamente, potrete aggiungere acqua al radiatore. In caso di emergenza, qualsiasi tipo di acqua andrà bene, sarà il vostro meccanico (che raggiungerete al più presto possibile) a ripristinare la quantità e la tipologia di fluidi più corretta per la vettura e per la stagione.
Non aprite per nessun motivo il tappo del radiatore di un motore caldo, potreste rimanere ustionati dal vapore bollente che fuoriuscirebbe dall’apertura.
Questa lampada si accende perché il motore si sta surriscaldando. Se non lo si spegne subito si rischia di provocare danni seri alla guarnizione della testata, alle teste dei cilindri, ai pistoni, alle aste delle valvole eccetera.
Le cause possono essere molteplici e vanno dal semplice manicotto screpolato, a un guasto alla pompa di circolazione del liquido di raffreddamento, a un difetto nel termostato che aziona la ventola, o alla ventola stessa.

Spia batteriaRicarica batteria

A volte contrassengata dalla scritta “ALT” (alternatore) o “GEN”, generatore, questa spia si accende se si verificano problemi nella ricarica della batteria. Non è indispensabile fermarsi subito, ma l’autonomia è davvero limitata. Un’auto moderna può funzionare forse una mezz’ora senza che la batteria venga alimentata e se viaggia durante il giorno, ma molto meno durante la notte, con le luci accese. Se la batteria si scarica completamente, alcuni importanti dispositivi come la pompa del carburante, il sistema di iniezione, il servosterzo, l’ABS eccetera smettono di funzionare rendendo impossibile o rischiosa la marcia del veicolo.
Per minimizzare il dispendio di energia in caso di malfunzionamento dell’alternatore è importante spegnere qualsiasi apparecchiatura elettrica non indispensabile, come condizionatore, ventilatore, sbrinatore del lunotto, radio, caricabatteria del cellulare o altro.
Raggiungete un’officina il prima possibile e fate verificare il difetto.

Spesso la responsabilità di questo allarme è da imputarsi a una cinghia dell’alternatore consumata, il cui costo è veramente modesto. Ma potrebbe trattarsi dell’alternatore setsso che si è guastato o dei cavi della batteria allentati o corrosi.
ATTENZIONE!! Controllate la cinghia dell’alternatore sempre a motore spento, altrimenti rischiate che la cravatta o altri indumenti vengano agganciati dalla cinghia in movimento con conseguenze drammaticamente prevedibili.
Se la cinghia appare intatta ed è in grado di far ruotare la puleggia dell’alternatore verificate lo stato dei cavi ai morsetti della batteria. Accendete le luci e mettete in moto l’auto, se le luci si abbassano sensibilmente, allora il difetto è da attribuire all’alternatore o al sistema elettrico di ricarica. Rivolgetevi all’autofficina di vostra fiducia (o alla più vicina, se è il caso).

Spia impianto freniProblema ai freni

Può indicare un guasto all’impianto frenante. Ma non sempre.
Spesso questa spia viene utilizzata sia per segnalare l’innesto del freno a mano, sia per segnalare problemi al circuito idraulico dei freni, perciò la prima cosa da controllare in caso di accensione è che lo stato del freno a mano.
Se il freno a mano non è tirato, premete il pedale del freno. Se la luce si accende premendo il pedale del freno, uno dei circuiti idraulici che azionano i pistoncini dei freni non ha pressione sufficiente. Ciò provoca una frenata insufficiente o irregolare, perciò è estremamente importante rivolgersi al più presto a un’autofficina. Se il pedale del freno è troppo molle o addirittura arriva al pavimento, non tentate di guidare la macchina, chiamate un carro attrezzi e fate portare l’auto da meccanico di vostra fiducia.
In molte auto questa spia è collegata a un sensore che misura il livello del liquido dei freni. Se la spia rimane sempre accesa, potrebbe trattarsi del livello del liquido dei freni troppo basso. Può essere rabboccato con del luquido dalle caratteristiche previste dal costruttore. Un controllo in officina è comunque indispensabile per determinare la causa della scarsa pressione nel circuito idraulico o della perdita di liquido dei freni.

Spia ABSProblema all’ABS

Questa spia si accende quando si presenta qualche anomalia al dispositivo anti-bloccaggio delle ruote. A seconda del tipo di malfunzionamento, l’ABS potrebbe essere temporaneamente disattivato. Il sistema frenante dovrebbe rimanere regolarmente attivo e funzionante, perciò la macchina può frenare, ma non avrà l’effetto antibloccaggio e di questo deve essere tenuto conto in caso di frenate in condizioni critiche. Si può continuare a guidare, ma occorre far verificare il problema appena possibile.
Attenzione! Se la spia dell’ABS si accende insieme alla spia del freno, ciò può indicare un problema grave all’impianto idraulico (vedi sopra). In tal caso potrebbe essere pericoloso continuare a guidare.

Spia pressione pneumaticiPressione pneumatici

Questo simbolo rappresenta l’avviso di insufficiente pressione a uno o più pneumatici. Normalmente la spia si accende quando la pressione scende del 25% sotto i livelli di gonfiaggio previsti dal costruttore. Guidare con gomme sgonfie aumenta la probabilità di esplosione degli pneumatici, pertanto è importante ristabilire la corretta pressione di gonfiaggio e far verificare lo stato degli pneumatici rivolgendosi a un gommista.

Spia malfunzionamento luciMalfunzionamento luci

Indica la mancata accensione di un faro anteriore, di un fanale posteriore, di uno stop o di un’indicatore di direzione. Naturalmente si può continuare a guidare, ma le condizioni di sicurezza potrebbero essere inferiori.
Sebbene la legge prescriva di tenere a bordo dell’auto una serie di lampadine di scorta, nelle auto moderne è spesso difficile, o addirittura impossibile sostituire da soli alcune di esse. Perciò è importante, appena possibile, rivolgersi a un elettrauto per la sostituzione della lampadina guasta.

Spia malfunzionamento airbagMalfunzionamento Air Bag.

Un simbolo con una grafica simile a quella che vi mostriamo, o con la scritta SRS o ABS, indica un malfunzionamento a carico dell’Air-bag.
Ogni volta che si avvia l’auto e comunque, a intervalli periodici, il sistema di controllo dell’air-bag effettua un’autodiagnosi. Se viene rilevato un difetto a uno dei sensori d’uro o a un altro componente del sistema, si accende la spia.
Si può continuare a guidare, ma con un livello di sicurezza inferiore, infatti è possibile che in caso di urto l’air-bag non si apra, esponendo gli occupanti dell’auto al rischio di traumi.

Luci e colori: le spie sul nostro cruscotto - Ultima modifica: 4 maggio 2016 - Autofficina de-ba