colori e odori sono presenti in una perdita l'olioColori e odori aiutano a diagnosticare i guasti a colpo d’occhio… e di naso.

Semplicemente osservando dei colori e odori tipici della meccanica, chiunque è in grado di prevenire numerosi interventi di riparazione. Per poter funzionare regolarmente le nostre auto hanno bisogno di  lubrificanti e fluidi di raffreddamento, questi dovrebbero essere sigillati all’interno del motore. Se li si trova all’esterno è lecito sospettare dei malfunzionamenti.  Ma la vista non è il solo senso che può aiutarci comprendere lo stato di salute della nostra auto: come residuo del processo termico che è alla base del funzionamento di motori delle nostre auto vi sono degli “aromi” che in misura maggiore o minore si liberano nell’aria. Il nostro olfatto può essere un valido alleato nel percepire gli odori anomali, la cui presenza può denunciare un difetto.

Quello che si vede

Hai trovato delle macchie o delle gocce di liquido sotto la tua auto? Potrebbe non essere assolutamente niente, ma è meglio controllare i liquidi a terra, tanto per essere sicuri.
Di che colore sono? Verde giallastro, azzurro o arancio intenso indicano un surriscaldamento del motore o una perdita di antigelo provocata da un manicotto o dalla pompa dell’acqua danneggiati o da una perdita nel radiatore. Fluidi neri o marrone scuro sono sintomo di una perdita d’olio. Una guarnizione usurata potrebbe esserne la causa. Così molte auto vanno incontro alla loro fine.
Una chiazza oleosa di colore rosso può far sospettare perdite dalla trasmissione o dal servosterzo.
Gocciolamenti di acqua chiara di solito non sono fonte di preoccupazione, potrebbe trattarsi di normale condensa del condizionatore.

…e quello che si sente

C’è odore di toast bruciato? Spesso si tratta di cortocircuiti con conseguente bruciatura di materiali isolanti, è meglio far controllare l’auto e non guidarla fino a quando il problema non è risolto.
Odore di uova marce? Di solito è colpa della marmitta catalitica. Bisogna rivolgersi a un meccanico.
Un odore intenso e acre indica olio bruciato. E’ importante verificare l’origine della perdita e rivolgersi subito a un’autofficina qualificata, se si deve utilizzare l’auto. Questo odore di solito è accompagnato da emissioni di fumo bluastro.
Odore di benzina dopo dei tentativi di avviamento può indicare l’ingolfamento del motore. In tal caso occorre aspettare qualche minuto e riprovare. Se l’odore persiste e si presenta anche in altre situazioni potrebbe trattarsi di una perdita dall’impianto di alimentazione, è un problema serio e potenzialmente molto pericoloso che richiede attenzione immediata.
L’odore di sostanze chimiche può significare il surriscaldamento dei freni o della frizione. Controllare di non aver viaggiato con il freno a mano tirato. Se si è fatto un uso prolungato e intenso dei freni si può avvertire questo odore, in tal caso è importante fermarsi e lasciar raffreddare i freni. Se da una delle ruote si leva del fumo sottile, allora può trattarsi di un freno bloccato. Il carro attrezzi è il rimedio più sicuro.
Come regola generale per gli odori, se si sente un odore insolito è meglio rivolgersi a un meccanico. Con poca più attenzione al mezzo che si sta guidando si possono evitare problemi che se trascurati si traducono in spese ingenti o, nel peggiore dei casi, nell’acquisto di un nuovo veicolo.

Hai rilevato colori e odori che fanno temere un guasto? Rivolgiti al nostro meccanico per una consulenza gratuita on line, oppure consulta gli articoli in primo piano per scoprire se abbiamo già trattato l’argomento che ti interessa.

Colori e odori che aiutano nella diagnosi - Ultima modifica: 4 maggio 2016 - Autofficina de-ba