Non farti trovare impreparato dai guasti alla tua autoUn modo facile per contribuire alla diagnosi dei guasti

I guasti sono una tra le tante seccature della vita moderna, un guasto alla propria auto è una delle più spiacevoli. Obbliga a cambiare i propri ritmi, scegliere mezzi alternativi per raggiungere il posto di lavoro,  stravolgere la routine quotidiana per accompagnare i figli a scuola, fare la spesa e via dicendo. Trovarsi impreparati di fronte a questa eventualità non fa che aggravare la situazione. L’auto è guasta. Qualcuno la deve riparare, tanto vale cercare di fornirgli il maggior numero di elementi possibili perché la permanenza in officina sia più breve possibile.

Le auto moderne, i SUV e persino i furgoni oggi sono dei concentrati di tecnologia con cruscotti digitali, sensori di tutti i tipi, computer di bordo, meccaniche sofisticate e chi più ne ha, più ne metta. Vanno meglio, durano più a lungo e sono più efficienti dei modelli degli anni passati. Eppure quando si tratta di guasti le cose sono più o meno le stesse di sempre, perciò ecco qualche consiglio che vi aiuterà a far mente locale al momento di riferire un malfunzionamento:

Prima di portare la tua auto in officina,  fai anche tu la tua parte.

  • Leggi attentamente il manuale d’uso e manutenzione e informati sulle varie parti e componenti del veicolo.
  • Segui il calendario di tagliandi previsto dal costruttore.
  • Tieni una lista degli interventi di riparazione e manutenzione.

Se ci pensi, tu sei quello che conosce la tua auto meglio di chiunque altro. La guidi tutti i giorni e sai come si comporta e quali sono i rumori normali quando tutto va bene, perciò non devi trascurare ogni comportamento o rumore insolito che potrebbe suggerire la presenza di guasti.

Fai dei semplici controlli utilizzando i tuoi sensi. Fai attenzione a:

  • Rumori insoliti, odori strani, perdite, fumi, spie sul cruscotto e strumenti di bordo.
  • Variazioni nell’accelerazione, nelle prestazioni del motore, nel consumo di carburante, nel livello dei liquidi.
  • Usura delle gomme , cinghie o manicotti.
  • Problemi di guidabilità, di frenata o di sterzo, vibrazioni insolite.
  • Fai caso a quando si verificano i problemi.
  • In modo costante, o solo qualche volta?
  • Quando la macchina è fredda,  o quando il motore si è riscaldato?
  • A qualsiasi velocità? Solo in accelerazione? In frenata? Cambiando marcia?
  • Quando si è verificato la prima volta il problema?

Una volta in officina, comunica le tue osservazioni.

  • Descrivi i sintomi nel modo più chiaro possibile.
  • Prepara una lista scritta dei sintomi da lasciare al capofficina.
  • Resisti alla tentazione di suggerire quali interventi intraprendere, fai come se fossi dal dottore, indicaci dov’è il male e da quanto tempo lo avverti, ma lascia ai tecnici la diagnosi e la prescrizione della cura.

Partecipa, fai domande.

  • Fai tutte le domande che vuoi, non sentirti in imbarazzo a chiedere anche le cose più semplici. Anche su questo sito abbiamo una sezione dedicata alle domande dei nostri utenti, risponderti ci farà piacere!
  • Non sollecitare il tecnico a fare una diagnosi dei guasti su due piedi. Possiamo chiamarti al telefono o inviarti una mail prima di cominciare i lavori descrivendo il problema e la soluzione che intendiamo intraprendere. In ogni caso gli eventuali interventi inizieranno con la tua approvaziie e pagherai solo quelli.
  • Lasciaci un numero di telefono e un indirizzo email a cui possiamo contattarti. Meglio ancora: registrati al sito della de-ba, quando verrai a trovarci sarai trattato come un cliente abituale, anche se sarà la prima volta che ci vediamo.
Aiutaci ad aiutarti: come segnalare i guasti - Ultima modifica: 4 maggio 2016 - Autofficina de-ba